Statuto

STATUTO ASSOCIAZIONE “PUBBLICA ASSISTENZA CORBARA”

 

Articolo 1

E’ costituita la Pubblica Assistenza Corbara, Organizzazione Non Lucrativa di Utilità Sociale, con sede legale in Corbara alla via Traversa Ettore Padovano,7 e sede operativa in Piazza Armando Diaz (locale ex Scuola Media Inferiore).

La P.A. Corbara è un momento di aggregazione dei cittadini che, attraverso la partecipazione diretta, intende contribuire alla vita e allo sviluppo della collettività.

Per questa ragione, i propri principi ispiratori sono quelle previste dalla norme del Codice Civile, da quelle dello Statuto, dalle leggi vigenti (Decreto Legislativo 460/97) ed eventuali modifiche.

Articolo 2

La P.A. Corbara è aconfessionale e apartitica, fonda la propria struttura associativa sui principi della democrazia e non persegua alcun fine di lucro.

Articolo 3

Il vessillo è una croce bianca in campo verde con all’interno il simbolo del comune di Corbara e con la dicitura “Pubblica Assistenza Corbara”

Articolo 4

La P.A. Corbara è una organizzazione di volontariato senza fini di lucro, che si occupa prevalentemente di Protezione Civile con squadre di volontari mobilitate sia livello locale che nazionale ed internazionale per calamità naturali; in particolare presta la propria opera per terremoti, rischio vulcanico, incendi boschivi, incidenti stradali, pronto soccorso, radiocomunicazioni, inquinamento chimico-batteriologico del suolo e dell’aria, igiene, ecologia, assistenza sociale e in particolare:

  1. Organizzare iniziative di protezione civile, tutela ambiente, tutela e salvaguardia die beni artistici e culturali compresi musei, biblioteche, pinacoteche ecc.;
  2. Organizzare il soccorso di ammalati e feriti mediante ambulanze, organizzare servizi si guardia medica ed ambulatoriali direttamente o in collaborazione con strutture pubbliche;
  3. Promuovere ed organizzare la raccolta del sangue e donazione organi;
  4. Promuovere iniziative di formazione ed informazione sanitaria e di prevenzione della salute nei suoi vari aspetti sanitari e sociali;
  5. Organizzare e gestire corsi di formazione ed istruzione riguardanti le discipline annoverate nello statuto;
  6. Promuovere ed organizzare iniziative di carattere sportivo e ricreativo atte a favorire una migliore qualità nella vita.
  7. Organizzare servizi sociali e assistenziali, anche domiciliari e scolastici, in collaborazione o in convenzione con enti pubblici o privati per il sostegno a cittadini appartenenti a categorie a rischio, quali anziani, minori, handicappati e, comunque in condizioni anche temporanee di Difficoltà.

Articolo 5

La P.A. Corbara fonda le proprie attività sull’impegno volontario e gratuito dei propri aderenti. Può assumere personale dipendente o avvalersi di lavoro autonomo, ai sensi e nei limiti fissati dalla Legge dell’11.8.97 n.266, esclusivamente per il suo regolare funzionamento oppure qualificare specializzare le attività da esse svolte.  E ‘posto divieto assoluto di svolgere attività commerciali ad eccezione di quelle connesse direttamente a quelle menzionate alla lettera “a” del ‘ articolo 10 del Decreto Legislativo 460/97.

Articolo 6

I soci della P.A. Corbara posso essere distinti in

  1. Fondatori;
  2. Onorari;
  3. Sostenitori;
  4. Ordinari;

Sono soci Fondatori coloro i quali hanno costituito la presente Associazione e si trovano menzionati nell’ Atto Costitutivo.

Sono soci Ordinari le persone giuridiche pubbliche e/o private, le associazioni e/o persone fisiche che, versano la quota associativa, per la loro rilevanza sociale possono collaborare con la P.A Corbara per la realizzazione degli scopi statutari.

Il socio Onorario non è tenuto al versamento della quota associativa, può rinunciare alla carica con dimissioni scritte, ha diritto al solo voto consecutivo.

Sono Soci Sostenitori coloro i quali apportano un contributo in misura superiore alla quota associativa.

Possono essere soci della P.A. Corbara tutti i cittadini indipendentemente dalla loro età che sottoscrivono la quota associativa nella misura ed entro i termini fissati annualmente dall’Assemblea.

Tutti i soci che hanno superato il diciottesimo anno di età. Oltre che agli altri diritti statutari, hanno anche il diritto di votare in assemblea, di eleggere e di essere eletti.

Tutti i soci inferiori ai 18 anni, ma che abbiano compiuto il quattordicesimo anno di età, possono partecipare alla vita associativa, godendo dei diritti statutari eccettuato quello di votare in assemblea, di eleggere e di essere eletti.

Articolo 7

I diritti dei soci sono:

  1. Partecipare alla vita associativa nei modi previsti dal presente Statuto e dai regolamenti da esso derivanti;
  2. Eleggere le cariche sociali ed esservi eletto, salvo i limiti di cui al precedente articolo6;
  3. Chiedere la convocazione dell’Assemblea nei termini previsti dal presente Statuto;
  4. Formulare proposte agli organi dirigenti nell’ambito dei programmi dell’Associazione ed in riferimento ai fini dei vari obiettivi previsti nel presente Statuto.

 

Articolo 8

I doveri dei soci sono:

  1. Rispettare le norme del presente Statuto e i deliberanti degli organi associativi;
  2. Non compiere atti che danneggiano gli interessi e l’immagine dell’Associazione.

Articolo 9

Non possono essere soci della P.A. Corbara coloro che svolgono le medesime attività della stessa, coloro i quali intrattengono con essa rapporti di lavoro sotto qualsiasi forma e che abbiano, con la stessa rapporti di contenuto patrimoniale.

Articolo 10

La qualità di socio si perde:

  1. Per morosità;
  2. Per decadenza;
  3. Per esclusione;

 Perdono la qualità dei soci per decadenza coloro che vengono a trovarsi nelle condizioni di cui all’articolo 9.

Perdono la qualità di socio per esclusione coloro che per gravi inadempienze nei confronti del presente Statuto, rendono incompatibile il mantenimento del rapporto con l’Associazione.

Perdono la qualità di soci per morosità colore che, entro il termine fissato dall’Assemblea, non hanno rinnovato la sottoscrizione della quota associativa nei limiti deliberati dall’ Assemblea stessa.

Articolo 11

L’esercizio finanziario della P.A. Corbara comincia il primo gennaio e termina il 31 dicembre di ogni anno e deve essere approvato dall’Assemblea non oltre il 30 Aprile dell’anno successivo.

Le entrate della P. A. Corbara sono costituite:

  1. Dalle quote degli aderenti
  2. Dai c contributi privati
  3. Da rimborsi derivanti da convenzioni;
  4. Da contributi di enti pubblici o privati;
  5. Da entrate che, a qualsiasi titolo e secondo i limiti di cui all’art.5 della Legge 11.8.91 n°266, pervengano all’Associazione per essere impiegate nel perseguimento delle proprie finalità o specificatamente destinate all’attuazione dei progetti.

Articolo 12

Il patrimonio della P.A. Corbara è costituito da:

  1. Beni mobili e immobili;
  2. Titoli pubblici o privati;
  3. Lasciti, legati e donazioni purché accettati dal Consiglio Direttivo.

 

Articolo 13

Gli organi dell’Assemblea sono:

  1. L’Assemblea dei soci;
  2. Il consiglio d’Amministrazione
  3. Collegio dei Revisori dei Conti.

Articolo 14

L’assemblea dei Soci è costituita dai soci fondatori e da color che successivamente abbiano acquisito lo status di socio.

Essa si riunisce di norma una volta all’anno entro il 30 Aprile per l’approvazione del bilancio e per gli altri adempimenti di propria competenza.

L’assemblea dei Soci si riunisce altresì ogni qualvolta il Consiglio d’Amministrazione lo ritenga opportuno o ne sia fatta richiesta da almeno un decimo dei soci regolarmente iscritti da non meno di tre mesi.

Delle riunioni dell’Assemblea deve essere redatto, a cura del Segretario e sotto la responsabilità del Presidente della stessa, verbale da trascrivere in apposito libri verbali dell’Assemblea.

Le riunioni sono valide in prima convocazione quando è presente la metà più uno degli aventi diritti ed in seconda convocazione qualunque sia il numero dei presenti. Fra la prima e la seconda convocazione deve trascorrere un intervallo di almeno un’ora.

Articolo 15

I compiti dell’Assemblea dei Soci sono:

  1. a) eleggere il Presidente ed i sei consiglieri che formeranno il C.D.A;
  2. b) eleggere il Collegio dei Revisori dei Conti;
  3. c) approvare l’aumento o la diminuzione della quota associativa;
  4. d) modificare il presente statuto;
  5. e) approvare il rendiconto finanziario consecutivo;
  6. f) deliberare sulla decadenza dello status di socio;
  7. g) deliberare su tutti gli argomenti sottoposti alla sua approvazione:

Articolo 16

L’Assemblea adotta le proprie deliberazioni con voto palese, adotta il metodo del voto segreto quando si tratti di elezioni delle cariche sociali o quando la deliberazione riguarda singole persone.

Risultano approvate quelle deliberazioni che raccolgono la maggioranza relativa dei consensi.

Nel caso di modifiche allo Statuto risultano approvare le proposta che hanno ottenuto la maggioranza dei consensi, purché siano presenti alla riunione la metà più uno degli aventi diritto.

Qualora non sussistono le condizioni di cui al comma precedente, sono approvate quelle proposte che ottengono il consenso di almeno i quattro quinti dei presenti, qualunque ne sia il numero.

Qualora nel voto a scrutinio segreto le proposte ottengano la parità dei consensi, queste si intendono respinte.

Nelle elezioni delle cariche sociali qualora due o più candidati ottengano la parità dei consensi, risultano eletti fino alla concorrenza dei posti disponibili, i più anziani di età.

Articolo 17

L’assemblea dei soci è convocata dal Presidente dell’Associazione che ne fissa luogo, data e ora della prima e seconda convocazione ed ordine del giorno, dandone comunicazione a tutti i soci almeno dieci giorni prima o mezzo posta o con raccomandata A.R. o con raccomandata a mano con avviso di ricevimento.

Partecipano all’ Assemblea i soci in regola con il versamento delle quote associative e che siano iscritti da almeno tre mesi.

E ‘ammessa la partecipazione per delega scritta ad altro socio, ma non si può rappresentare più di un altro socio.

E’ consentita la partecipazione dell’Assemblea dei Soci, ai non soci della P.A. Corbara solo ed esclusivamente a mezzo invito, sottoscritto dal segretario o da chi ne fa le veci, dietro autorizzazione del C.D.A.

Le riunioni dell’assemblea dei soci posso anche divenire pubbliche qualora all’ ordine del giorno siano previsti argomenti di carattere collettivo e di interesse generale.

E’ tuttavia facoltà del Presidente dell’assemblea consentire ai non soci di prendere la parola.

 

Articolo 18

Il C.D.A. è composto da sei membri più il Presidente, tutti con voto effettivo.

Tra i consiglieri formanti il C.D.A. vanno nominati:

  1. Il Vicepresidente;
  2. Il segretario;
  3. Il vicepresidente (delega al personale);
  4. Il tesoriere;
  5. Il Responsabile Operativo;
  6. Il Responsabile Materiali e Mezzi;

il C.D.A. si riunisce ogni qualvolta il Presidente lo ritenga necessario, nonché né faccia richiesta scritta  motivata almeno i quattro settimi dei suoi membri, comunque di regola almeno una volta nell’arco dell’anno associativo.

Per la validità delle deliberazioni e delle convocazioni del C.D.A. vigono le stesse norme e procedure previste dagli artt. 16 e 17 del presente statuto.

Il C.D.A. resta in carica un quadriennio associativo ed i membri sono rieleggibili.

Articolo 19

I compiti del Consiglio d’Amministrazione sono:

  1. Proporre l’aumento o diminuzione della quota associativa;
  2. Predisporre le modifiche da apportare al presenta Statuto;
  3. Approvare o annullare le domande di ammissione di nuovi soci e si riserva la definitiva ammissione degli stessi per tre mesi dall’ultima richiesta;
  4. Deliberare la costituzione di sessioni distaccate;
  5. Verificare l’operato di tutti i responsabili dell’Associazione;
  6. Adottare i provvedimenti di cui al precedente art.10;
  7. Stipulare contratti, convenzioni, accordi nel perseguimento degli obiettivi sociali;
  8. Eseguire i deliberati dell’Assemblea dei Soci;
  9. Assumere il personale dipendente o stabilire forme di rapporto di lavoro autonomo nei limiti del presente Statuto.

 

Articolo 20

Il Presidente ha legale rappresentanza dell’Associazione, può stare in giudizio per tutela degli interessi morali e materiali dell’Associazione, può nominare avvocati e procuratori nelle lite attive e passive.

Il Presidente sottoscrive tutti gli atti e contratti stipulati dalla P.A. Corbara e riscuote, nell’interesse dell’ente, somme da terzi rilasciando liberatoria quietanza.

Il Presidente, se autorizzato può delegare in parte o interamente i propri poteri al Vicepresidente o un altro componente del Consiglio stesso.

Il Presidente convoca e presiede l’Assemblea dei Soci e il Consiglio d’Amministrazione.

Articolo 21

I compiti del Segretario, del tesoriere e delle altre cariche del C.D.A. sono stabilite dal regolamento generale dell’Associazione.

Articolo 22

Il collegio dei Revisori dei Conti è composto da tre membri effettivi e da due supplenti, dura in carica un quadriennio ed i suoi componenti, posso essere scelti fra i non soci, sono rieleggibili.

Nella prima riunione dopo la nomina da parte dell’Assemblea il Collegio dei Revisori dei Conti elegge nel proprio seno il Presidente.

Il Collegio dei Revisori dei Conti redige un verbale da trascrivere in apposito libro.

E’ regolato dal Codice Civile art.2397 e ss.

Articolo 23

Qualora per decisione dell’Assemblea vengano istituite una o più sezioni, le stesse dovranno essere dotate di regolamenti organizzativi e di funzionamento che siano uniformati a criteri partecipativi di questo Statuto.

 

Articolo 24

Tutte le cariche associative sono gratuite e gratuite sono le prestazioni fornite dai soci, fatto salvo il rimborso delle spese, previsto per l’attività da svolgere in base a convenzioni stipulate con strutture pubbliche e/o provate, effettivamente sostenute per l’opera prestata.

Articolo 25

La P.A. Corbara deve istituire e tenere aggiornati i seguenti libri e registri:

  1. Libro dei Soci Fondatori, Sostenitori, Onorari e Ordinari
  2. Registro delle deliberazioni dell’Assemblea dei Soci;
  3. Registro delle deliberazioni del Consiglio d’Amministrazione;
  4. Registro delle deliberazioni del Collegio dei Revisori dei Conti;
  5. Registro cronologico della corrispondenza;
  6. Libro inventario del patrimonio;
  7. Libro cassa;
  8. Libro erogazioni e lasciti.

 

Articolo 26

La P,A, Corbara svolgerà la sua attività fino al 30 Novembre 2050 e la durata della stessa potrà essere derogata con delibera dell’Assemblea dei Soci, a maggioranza assoluta , per altri venti anni, derogabili.

In caso di scioglimento, cessazione ovvero estinzione della P.A. Corbara i beni che residuano dopo l’esaurimento della liquidazioni sono devoluti ad altre O.N.L.U.S. o ai fini di pubblica utilità, sentito l’organismo di controllo di cui all’art. 3c.190 della Legge 662 del 23/12/1996, salvo diversa destinazione imposta dalla legge (vedi art. 5 c. legge 266/91).

I soci fondatori si riservano il diritto sull’eventuale ripresa delle attività e sulla prelazione del vessillo.

Condividi